Categorie


   

Alimentatore lineare o switching? Quale suona meglio?

 

 


Un alimentatore lineare suona meglio di un alimentatore switching?
Cos'è un alimentatore lineare?
Un alimentatore lineare è un alimentatore che in modo convenzionale, quindi tramite un classico trasformatore a lamierini o toroidale, trasforma una tensione alternata in una tensione continua livellata e filtrata. Un alimentatore lineare impiega quindi un trasformatore che lavora alla stessa frequenza della tensione in ingresso, nel caso della nostra 220 volt quindi a 50 Hertz.
Una domanda che prima o poi tutti i possessori di un amplificatore in classe T o D si pongono: ma un alimentatore lineare al posto dell'alimentatore switching (o a commutazione) davvero migliorerebbe la qualità del mio impianto?
Cercheremo innanzitutto di rispondere con una domanda a quelli che dicono o pensano che un alimentatore lineare in sostituzione di uno switching non farebbe alcuna differenza e, qualora ci fosse, sarebbe impercettibile all'ascolto: vi siete mai chiesti perché tutti i produttori di amplificatori di una certa qualità impiegano un più costoso alimentatore lineare, cosa facilmente riscontrabile dal peso dell'amplificatore e dal grosso trasformatore che troneggia all'interno?

Cerchiamo di fare un po' di chiarezza per coloro che non conoscono le differenze tra un alimentatore lineare ed un alimentatore switching.
Bene o male tutti conosciamo un alimentatore switching. In sostanza è l'alimentatore che utilizziamo quotidianamente: il caricabatterie del nostro telefono, della nostra macchina fotografica, del nostro computer portatile, del  nostro rasoio elettrico. Come è facile notare esso è caratterizzato da leggerezza e da piccole dimensioni.
Il funzionamento dell'alimentatore switching si basa sul principio che il rendimento di un trasformatore è direttamente proporzionale alla frequenza della tensione ad esso applicata, in parole povere più è alta la frequenza e più è alto il rendimento, quindi più piccole diventano le dimensioni del trasformatore.
Considerando che normalmente utilizziamo la tensione di casa che ha una frequenza di 50 hertz, ossia 50 alternanze al secondo, pensiamo per un attimo a quanto diminuirebbero le dimensioni, e di conseguenza il peso, di un trasformatore funzionante a decine o centinaia di migliaia di hertz, questa è infatti la frequenza di funzionamento di un alimentatore switching.
Ma mentre una frequenza di 50 hertz, facilmente livellabile e filtrabile, una volta "pulita" non produrrebbe rumore o ronzio facilmente udibile nella nostra catena audio, e comunque difficilmente peggiorerebbe la qualità del segnale, al contrario un dispositivo elettronico che ha al suo interno un oscillatore, come nel caso di un alimentatore switching, potrebbe facilmente generare disturbi ed armoniche varie che molto probabilmente degraderebbero il segnale.
Probabilmente un alimentatore switching, opportunamente filtrato con sofisticati (e costosi) filtri si comporterebbe alla stessa stregua di un buon alimentatore lineare, ma davvero pensate che in un economico switching qualcuno possa implementare tali costosi accorgimenti?

Tutto ciò è teoria? E' scientificamente provato?
Sinceramente noi non lo sappiamo ed abbiamo quindi affidato alle nostre orecchie il compito di darci una risposta.
 

 

 

Differenze di ascolto tra un alimentatore lineare ed un alimentatore switching

Il test è stato effettuato utilizzando cinque amplificatori caratterizzati da un unico denominatore, ovvero tutti impieganti l'arcinoto e famosissimo chip amplificatore Tripath TA2024.
Sul chip Tripath 2024 sono stati versati fiumi d'inchiostro e da anni ormai la qualità degli amplificatori impieganti tale chip è indiscussa, a parte un'unica piccola limitazione relativa alla potenza massima, gli amplificatori che lo implementano sono generalmente caratterizzati da ampia scena sonora, dettaglio e luminosità.
Qualcuno afferma che la gamma bassa è limitata, un particolare questo che cercheremo di mettere a fuoco nel nostro test.
Sono stati utilizzati due tipi di alimentatori lineari, uno con trasformatore toroidale ed uno con trasformatore convenzionale a lamierini.

I cinque amplificatori utilizzati nel test sono:

  • Sonic Impact Gen.2 Mod.5065
  • Sure TA2024
  • Trends TA 10.2
  • Dynavox DA30
  • Scheda Dollatek TA2024
 
Amplificatore Sonic Impact Gen.2 mod.5065 Tripath TA2024 Amplificatore Sure TA2024 Tripath TA2024 Amplificatore Trends TA-10.2 Tripath TA2024 Amplificatore Dynavox DA-30 Tripath TA2024 Amplificatore Dollatek Tripath TA2024
Amplificatore Sonic Impact Gen.2 Mod.5065 Amplificatore Sure TA2024 Amplificatore Trends TA-10.2 Amplificatore Dynavox DA-30 Amplificatore Dollatek TA2024
 

I risultati del test saranno pubblicati nei prossimi giorni, vi possiamo comunque anticipare che rispecchiano le nostre aspettative...

 

 

 

 

 
Formule e calcolo online resistenze e condensatori in serie e in parallelo Come fare un cremoso gelato al cioccolato senza uova Primanota in nero da tenere nella chiavetta gratis Come costruie la migliore cuffia wireless per ascoltare la TV Esperimento di elettronica per bambini Un vero impianto audiofilo con Volumio, Raspberry e QAcoustics

 
Fatti e personaggi descritti nella sezione "L'allegro laboratorio del Professor Dimmelo" sono immaginari. Ogni riferimento a fatti o persone reali è puramente casuale.
 
Avvertenze
Molti degli esperimenti o delle idee esposte in questa sezione fanno uso di corrente elettrica o di materiali pericolosi. Pertanto dovranno essere effettuati esclusivamente da persone maggiorenni ed esperte. Per qualsiasi dubbio consultare o delegare personale esperto e qualificato. L'autore declina qualsiasi responsabilità per danni a persone o cose e per non aver letto queste avvertenze.
 
Termini e condizioni sull'utilizzo del sito www.comefareper.cloud
Il materiale pubblicato e/o riprodotto in questa sezione (tra cui in via esemplificativa ma non esaustiva: informazioni, loghi, elementi grafici, suoni, immagini, marchi etc., per brevità le “Informazioni”) è di esclusiva proprietà (o concesso da terzi in uso a) dell'autore. I contenuti del Sito sono disponibili ai visitatori per un uso esclusivamente personale e non per qualsiasi altro fine.
 
Diritti di proprietà intellettuale
L'autore tutela attivamente i propri diritti di proprietà intellettuale. I contenuti pubblicati in questa sezione (testi, disegni, fotografie, ecc.) sono protetti dalla vigente normativa recante disposizioni sul diritto d’autore e sui diritti di proprietà intellettuale. La riproduzione anche parziale delle Informazioni è consentita esclusivamente dietro preventiva autorizzazione scritta da parte dell'autore. E' pertanto vietato modificare, copiare, riprodurre, distribuire, trasmettere o diffondere il contenuto di questa sezione senza aver preventivamente ottenuto un espresso consenso in forma scritta da parte dell'autore.
L'autore non utilizza materiale coperto da altrui diritto d’autore senza indicarne chiaramente il titolare e/o la provenienza. La riproduzione di tale materiale, eventualmente contenuto in questa sezione, potrebbe essere limitata da parte dell’autore ed i visitatori potrebbero dover richiedere un preventivo consenso al titolare del diritto al fine di riprodurlo in altre pubblicazioni in formato cartaceo e/o elettronico.
 
Fotografie pubblicate
Tutte le fotografie pubblicate su questo sito sono opera dell'autore, pertanto esse sono protette dalla vigente normativa recante disposizioni sul diritto d’autore e sui diritti di proprietà intellettuale. Di conseguenza è tassativamente vietata qualsiasi forma di utilizzo delle stesse.