Categorie

Quando nascerà? Calcolo automatico della data del parto

Quando nascerà? Come si calcola la data del parto
 

​E' sempre grande la voglia di conoscere con largo anticipo la data presunta del parto, ma ciò non è riferito soltanto alla futura mamma, ma di conseguenza anche al futuro papà, ai futuri nonni ed anche agli eventuali zii.
Quindi è sacrosanta la domanda "Quando diventerò zia?" specialmente se chi la pone non vede l'ora di dare il benvenuto al suo primo nipotino.
L'attesa di un lieto evento è pur sempre qualcosa di speciale, di magico, ma l'ansia di conoscere quando avverrà è sempre difficile da nascondere.

Non è facile calcolare con una buona approssimazione la data del parto dato che una gestazione regolare si protrae per circa 40 settimane, ma statisticamente potrebbe durare dalle 37 alle 42 settimane.
Questo calcolatore ci indica con un'ottima approssimazione la data del parto partendo dal primo giorno dell'ultima mestruazione avuta e ci evita noiosi e lunghi conteggi (pensate ai mesi di 30 o 31 giorni, addirittura con febbraio di 28 o 29).
E' stato sperimentato in tantissime occasioni ed ha sempre offerto ottime previsioni con un errore medio di più o meno due-tre giorni, addirittura molte volte ha centrato il giorno esatto!

Come si usa?

L'uso è semplicissimo.

 

 

Inserire la data di inizio dell'ultima mestruazione, quindi dell'ultimo ciclo avuto prima di rimanere incinta.
La data dovrà essere inserita nel formato gg/mm/aaaa, quindi 2 cifre per il giorno, poi "/", altre 2 cifre per il mese, ancora "/" ed infine 4 cifre per l'anno.
Esempi di date valide sono: 14/12/2020, 04/10/2020, 11/09/2020 e così via.

Una volta inserita la data dell'ultima mestruazione dovremo semplicemente cliccare sul pulsante "Calcola data" per visualizzare immediatamente la data del parto comprensiva del giorno della settimana.

Il pulsante "Azzera" pulisce le caselle dai risultati per consentirci di effettuare un'altra interrogazione.

Adesso non ci resta che fare tanti auguri alle future mamme, ai futuri papà, nonni e zii.



 

Scopri altri contenuti del sito