Categorie

Crispelle siciliane con acciughe e ricotta (crispeddi ca anciova e ricotta)


Crispelle siciliane con ricotta e acciughe, tipico fast-food di Catania

LA RICETTA ORIGINALE CATANESE DEI CRISPEDDI CA' ANCIOVA E A RICOTTA


Premessa

Questa non è la solita ricetta improvvisata o "per sentito dire" che puntualmente si puo' trovare negli ormai innumerevoli siti che parlano di cucina, ma è la vera ricetta tradizionale delle crispelle ca' anciova e ricotta rivelata da uno dei più grandi e famosi crispellai di catania, u Zu' Turi.


Nella mia città e nel suo vicino interland anche d'inverno ci sono tantissime feste patronali, la Festa di S. Sebastiano ad Acireale il 20 gennaio e la festa di S. Mauro a Viagrande il 14, in attesa della solennità di Sant' Agata attesa da tutta la provincia di Catania per i primi giorni di febbraio.
Ma non è delle feste in generale che vi voglio parlare bensì d'un aspetto culinario di questo periodo che troviamo nelle varie piazze appunto in festa: le crespelle con acciuga e ricotta.
Ho conosciuto parecchi crispellai ma senza ombra di dubbio il più simpatico resta "u Zu' Turi" (lo zio Salvatore), un simpatico omaccione con i baffi all'umberta che aveva una maestria e velocità nel preparare le crespelle che stavo ore a guardarlo mentre lavorava.
Naturalmente dopo abbuffate di crespelle gratis sono riuscito a farmi dare la ricetta che vi riporto.
Le crispelle con acciuga e ricotta appena fritte, quindi ancora caldissime, al sud sono consumate, oltre che durante le feste più importanti, in special modo durante le fredde serate del periodo di Natale.


Ingredienti:

  • 500 gr. di farina 00
  • 350 ml di latte
  • 20 gr. di lievito di birra
  • 100 gr. di acciughe salate
  • 200 gr. di ricotta fresca di pecora
  • 500 gr. di strutto per friggere
  • sale
  • pepe

 

​Procedimento:

 

 

Pulire le acciughe dal sale e togliere la lisca.
In una ciotolina condire la ricotta con un pizzico di sale ed un pizzico di pepe.
In un recipiente capiente versate la farina e il latte tiepido dove avrete già sciolto il lievito.
Con un forchetta lavorare finché il tutto sia ben amalgamato.
Aggiungere un pizzico di sale e lavorare per 20 minuti.
Lasciare quindi la pasta a lievitare per un'ora e sgonfiate l'impasto lavorandolo appena.

Sciogliete lo strutto e quando sarà riscaldato cominciate a friggere le crespelle prendendo una piccola parte dell'impasto (avendo cura di ungersi appena le mani) inserendo a piacimento ora l'acciuga ora la ricotta (due crispelle diverse) e chiudendo senza lasciare fessure.

Cuocere a fuoco basso altrimenti l'interno resta crudo, uscirle e metterle da parte per la ripassata.
Finito tutto l'impasto e cotte per la prima volta tutte le crispelle, si proceda a friggerle nuovamente cominciando dalle più fredde, il colore finale sarà il dorato.
Mangiatele calde e buon appetito.  
 

Corrado

 
Questa sezione di poesie e pensieri è dedicata all'autore, Corrado, un carissimo amico prematuramente scomparso qualche anno fa e che sono certo che finalmente abbia trovato quella pace da troppo tempo invano cercata.

 

Scopri altri contenuti del sito