Categorie


   

Crispelle siciliane con acciughe e ricotta (crispeddi ca anciova e ricotta)

 

 

LA RICETTA ORIGINALE CATANESE DEI CRISPEDDI CA' ANCIOVA E A RICOTTA


Premessa

Questa non è la solita ricetta improvvisata o "per sentito dire" che puntualmente si puo' trovare negli ormai innumerevoli siti che parlano di cucina, ma è la vera ricetta tradizionale delle crispelle ca' anciova e ricotta rivelata da uno dei più grandi e famosi crispellai di catania, u Zu' Turi.


Nella mia città e nel suo vicino interland anche d'inverno ci sono tantissime feste patronali, la Festa di S. Sebastiano ad Acireale il 20 gennaio e la festa di S. Mauro a Viagrande il 14, in attesa della solennità di Sant' Agata attesa da tutta la provincia di Catania per i primi giorni di febbraio.
Ma non è delle feste in generale che vi voglio parlare bensì d'un aspetto culinario di questo periodo che troviamo nelle varie piazze appunto in festa: le crespelle con acciuga e ricotta.
Ho conosciuto parecchi crispellai ma senza ombra di dubbio il più simpatico resta "u Zu' Turi" (lo zio Salvatore), un simpatico omaccione con i baffi all'umberta che aveva una maestria e velocità nel preparare le crespelle che stavo ore a guardarlo mentre lavorava.
Naturalmente dopo abbuffate di crespelle gratis sono riuscito a farmi dare la ricetta che vi riporto.
Le crispelle con acciuga e ricotta appena fritte, quindi ancora caldissime, al sud sono consumate, oltre che durante le feste più importanti, in special modo durante le fredde serate del periodo di Natale.


Ingredienti:

  • 500 gr. di farina 00
  • 350 ml di latte
  • 20 gr. di lievito di birra
  • 100 gr. di acciughe salate
  • 200 gr. di ricotta fresca di pecora
  • 500 gr. di strutto per friggere
  • sale
  • pepe

 

 


​Procedimento:

Pulire le acciughe dal sale e togliere la lisca.
In una ciotolina condire la ricotta con un pizzico di sale ed un pizzico di pepe.
In un recipiente capiente versate la farina e il latte tiepido dove avrete già sciolto il lievito.
Con un forchetta lavorare finché il tutto sia ben amalgamato.
Aggiungere un pizzico di sale e lavorare per 20 minuti.
Lasciare quindi la pasta a lievitare per un'ora e sgonfiate l'impasto lavorandolo appena.

Sciogliete lo strutto e quando sarà riscaldato cominciate a friggere le crespelle prendendo una piccola parte dell'impasto (avendo cura di ungersi appena le mani) inserendo a piacimento ora l'acciuga ora la ricotta (due crispelle diverse) e chiudendo senza lasciare fessure.

Cuocere a fuoco basso altrimenti l'interno resta crudo, uscirle e metterle da parte per la ripassata.
Finito tutto l'impasto e cotte per la prima volta tutte le crispelle, si proceda a friggerle nuovamente cominciando dalle più fredde, il colore finale sarà il dorato.
Mangiatele calde e buon appetito.  
 

Corrado

 
Questa sezione di poesie e pensieri è dedicata all'autore, Corrado, un carissimo amico prematuramente scomparso qualche anno fa e che sono certo che finalmente abbia trovato quella pace da troppo tempo invano cercata.

 

 

 
Formule e calcolo online resistenze e condensatori in serie e in parallelo Come fare un cremoso gelato al cioccolato senza uova Primanota in nero da tenere nella chiavetta gratis Come costruie la migliore cuffia wireless per ascoltare la TV Esperimento di elettronica per bambini Un vero impianto audiofilo con Volumio, Raspberry e QAcoustics

 
Fatti e personaggi descritti nella sezione "L'allegro laboratorio del Professor Dimmelo" sono immaginari. Ogni riferimento a fatti o persone reali è puramente casuale.
 
Avvertenze
Molti degli esperimenti o delle idee esposte in questa sezione fanno uso di corrente elettrica o di materiali pericolosi. Pertanto dovranno essere effettuati esclusivamente da persone maggiorenni ed esperte. Per qualsiasi dubbio consultare o delegare personale esperto e qualificato. L'autore declina qualsiasi responsabilità per danni a persone o cose e per non aver letto queste avvertenze.
 
Termini e condizioni sull'utilizzo del sito www.comefareper.cloud
Il materiale pubblicato e/o riprodotto in questa sezione (tra cui in via esemplificativa ma non esaustiva: informazioni, loghi, elementi grafici, suoni, immagini, marchi etc., per brevità le “Informazioni”) è di esclusiva proprietà (o concesso da terzi in uso a) dell'autore. I contenuti del Sito sono disponibili ai visitatori per un uso esclusivamente personale e non per qualsiasi altro fine.
 
Diritti di proprietà intellettuale
L'autore tutela attivamente i propri diritti di proprietà intellettuale. I contenuti pubblicati in questa sezione (testi, disegni, fotografie, ecc.) sono protetti dalla vigente normativa recante disposizioni sul diritto d’autore e sui diritti di proprietà intellettuale. La riproduzione anche parziale delle Informazioni è consentita esclusivamente dietro preventiva autorizzazione scritta da parte dell'autore. E' pertanto vietato modificare, copiare, riprodurre, distribuire, trasmettere o diffondere il contenuto di questa sezione senza aver preventivamente ottenuto un espresso consenso in forma scritta da parte dell'autore.
L'autore non utilizza materiale coperto da altrui diritto d’autore senza indicarne chiaramente il titolare e/o la provenienza. La riproduzione di tale materiale, eventualmente contenuto in questa sezione, potrebbe essere limitata da parte dell’autore ed i visitatori potrebbero dover richiedere un preventivo consenso al titolare del diritto al fine di riprodurlo in altre pubblicazioni in formato cartaceo e/o elettronico.
 
Fotografie pubblicate
Tutte le fotografie pubblicate su questo sito sono opera dell'autore, pertanto esse sono protette dalla vigente normativa recante disposizioni sul diritto d’autore e sui diritti di proprietà intellettuale. Di conseguenza è tassativamente vietata qualsiasi forma di utilizzo delle stesse.