Categorie

Come fare le castagne nella friggitrice ad aria

​​
Castagne cotte nella friggitrice ad aria, croccanti fuori e morbide dentro


Non dimenticheremo mai l'11 novembre di quest'anno.
Quella mattina il nostro Professor Dimmelo arrivò in laboratorio con un fiasco di vino in una mano e una borsa da supermercato nell'altra.
Alle nostre domande rispose con la sua solita voce suadente: "Volete mica che il vostro professore non festeggi con voi il San Martino? Vi aspetto tutti questo pomeriggio nel mio laboratorio".

E così quel pomeriggio ci ritrovammo tutti nel laboratorio del professore.
La prima cosa che notammo, una cosa effettivamente strana in quanto stonava notevolmente con accanto oscilloscopio, saldatore e strumenti vari, fu una grande ciotola di vetro colma d'acqua e con dentro delle grosse castagne.
Il primo a rischiare facendo una domanda fu Gianpippo: "Ma professore, festeggiamo San Martino con castagne a mollo?"
E subito il professore: "Apprezzo il tuo umorismo ma ancora una volta hai sottovalutato il mio pensiero".
E subito puntò il dito sul tavolino dietro dove troneggiava un elettrodomestico.
E qui riconoscemmo subito l'inconfondibile friggitrice ad aria Ariete, la stessa di cui il professore ne aveva tanto decantato le lodi in occasione del post Come fare le uova sode ed altro nella friggitrice ad aria, post che elencava anche gli innumerevoli modi di cucinare un po' di tutto da parte di questo fantastico elettrodomestico.
Quindi esclamò: "Oggi faremo le castagne nella friggitrice ad aria e vi assicuro che vi farò leccare le dita!"

 

 

Accese quindi la friggitrice ad aria portando la manopola della temperatura al massimo, a 200° e aggiunse: 
"Accendiamo prima la friggitrice in modo che le nostre castagne trovino da subito un ambiente il più accogliente possibile.
Nel frattempo cominciamo ad incidere le castagne, dopo che sono state a mollo nell'acqua per più di mezzora".

Ci spiegò che le castagne vanno messe in ammollo da mezzora ad un'ora insieme ad un pugno di sale grosso.
Non che il sale le facesse insaporire così tanto, data la presenza della buccia, ma almeno un piccolo punto di sapidità lo avrebbe comunque aggiunto.
Quindi prese un coltello ed iniziò ad incidere una croce su ogni castagna.
E qui ancora Gianpippo coraggiosamente chiese: "Professore, perché le incide a croce quando tutti fanno soltanto un'incisione orizzontale?"
E il professore, per nulla spazientito: "Ah, caro Gianpippo, devo insegnarti proprio tutto. A me le castagne piacciono croccanti in superficie, così facendo avremo molta più superficie esposta al calore, quindi il risultato sarà di una castagna ancora più croccante all'esterno".
A questo punto ci guardammo tutti mimando un'espressione che voleva dire: "Alla faccia, come potrebbe non avere ragione il professore?".

A questo punto il professore adagiò un pezzo di carta da forno sulla griglia della friggitrice spiegandoci che senza di essa il flusso d'aria prodotto avrebbe disperso il sale che avrebbe aggiunto alle castagne, quindi versò sul foglio un'abbondante manciata di sale fino e vi rotolò sopra le castagne ancora bagnate facendo aderire buona parte del sale attorno ad esse.
Quindi posizionò le castagne con la parte incisa verso il basso e collocò la griglia nell'ultimo ripiano della friggitrice, proprio vicinissima allo sbocco d'aria calda.
E, ad evitare eventuali altre domande, ci spiegò: "Perché ho adagiato le castagne con la parte incisa berso il basso? Semplice, il flusso d'aria a 200° per 10 minuti sul lato non inciso sarà sufficiente a cuocere la castagna e addirittura a farla aprire, se le avessi messe in una posizione random probabilmente alcune si sarebbero bruciate dopo la seconda cottura".
E aggiunse: "Perché una seconda cottura? Trascorsi i 10 minuti provvederò a girare le castagne, questa volta con la parte incisa in alto e, dato che ormai saranno tutte aperte, verserò sopra altro sale fino. Infine le farò cuocere ancora per almeno 5 minuti. Nel caso si desiderasse una maggior croccantezza i 5 minuti potranno arrivare anche a 10".

Una volta cotte le castagne il professore ci versò un bicchiere di buon vino e finalmente assaggiammo le migliori castagne mai mangiate.
Erano perfette! Si sbucciavano da sole ed erano meravigliosamente croccanti fuori e morbide dentro.
Un San Martino davvero indimenticabile, grazie Professor Dimmelo!

Ricapitolando

  • Mettere le castagne in acqua insieme ad un pugno di sale grosso
  • Lasciarle in ammollo da 30 a 60 minuti
Castagne cotte nella friggitrice ad aria, croccanti fuori e morbide dentro
 
  • Incidere una croce da un lato
Castagne cotte nella friggitrice ad aria, croccanti fuori e morbide dentro
 
  • Mettere un foglio di carta da forno sulla grilia della friggitrice e versare 1 o 2 cucchiai di sale fino
  • Rotolare sul sale le castagne ancora bagnate
Castagne cotte nella friggitrice ad aria, croccanti fuori e morbide dentro
 
  • Adagiarle con la parte incisa in basso e riporre nell'ultimo piano della friggitrice già preriscaldata alla massima temperatura (200 gradi)
  • Lasciare cuocere per 10 minuti
  • Tirare fuori la griglia, girare le castagne con la parte incisa in alto e versare sopra la polpa del sale fino
  • Riporre nuovamente nella friggitrice e fare cuocere per altri 5/10 minuti, a seconda se si preferiscono più o meno croccanti
Castagne cotte nella friggitrice ad aria, croccanti fuori e morbide dentro
 

Una piccola variante nel caso si preferissero le castagne ancora più saporite e croccanti:

Mettere in ammollo le castagne già incise.
Nella seconda fase di cottura, ovvero quella con la parte incisa in alto, spruzzare acqua sulla parte aperta, versare sopra il sale fino e infine rimettere nella friggitrice.

 

Come cucinare le uova sode e la bistecca alla fiorentina nella friggitrice ad aria
La friggitrice ad aria Ariete Airy Fryer Oven utilizzata dal Professor Dimmelo

 
Scopri altri contenuti del sito